O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 22 dicembre 2008

Chiedi che cos'era...

...la tombola in piazza
Dite ai ragazzi che cos'era la "tombola in piazza". Diteglielo, perché non lo sanno. E se qualche genitore, qualche nonno, gliel'ha spiegato, avranno magari fatto spallucce: "e allora?". Perché loro non possono cogliere, loro, i "testimonial" della movida e del bus comunale che li porta d'estate nelle discoteche, loro che storcono il naso davanti alla parola "tradizione" ("ma che cos'è, papà, la tradizione?)" il fascino di quel rito magico d'estate, quando mezza città si radunava in piazza Garibaldi per giocare a tombola. Io c'ero, in quelle sere d'estate e la piazza era piena di gente che si accalcava ovunque, con la cartella della tombola tra le mani. I più fortunati si accomodavano attorno ai tavolini del bar Orologio, quello dei favolosi gelati di Otello. Che costituivano anche la posizione più strategicamente comoda perché da lì si guardava dritto verso il grande tabellone in legno, con le 90 caselle, che era posto proprio davanti al Portici del grano. Un gelato e un numero, una gassosa e un numero, una sigaretta e un numero "che nùmmor j'àn ciamè? La voce dello speaker, attraverso l'altoparlante, attraversava la piazza da tavolino a tavolino., con la collaborazione degli astanti, che riferivano al vicino. J'àn ciamè al vintisètt. .. Vintisètt... vintisètt... vintisètt. Faceva l'eco. Ma intanto l'imbonitore della fortuna aveva già chiamato il "Nove". Al "nóv", al "nóv", "nóv"..."nóv"... E tutti giù a controllare sulla propria cartellina, in silenzio. Silenzio generale che veniva spezzato da una vocina, là in fondo, proprio lontano, vicino alla chiesa di San Pietro: "Vintisètt o nóv?". Un gelato d'Otello e un numero, una gassosa e un numero, una sigaretta e un numero.... "Quaterna!". "Oh, Zvàn, j'àn fat cuadèrna!". "Cuadèrna? E chi?" "Mi an so mìga. l'è là ch'al sbràja". E quello che "sbrajäva" attraversava la piazza trafelato per farsi sentire dallo speaker. "Ripeta i numeri signore fortunato". "Cuarànta, tri, darsètt e nóv"... "Ma no...". E la piazza ondeggiava con quel no di rimprovero. Co' dìt, nanén, l'éra mìga darsètt, l'éra vintisètt... E l'omino tornava al suo posto, umiliato dagli sguardi accusatori degli altri giocatori. Poco dopo... "cinquantotto"... "Io , io, ce l'ho io", gridava una donnina minuta sventolante la cartellina. "Io io ce l'ho io, e declamava, correndo verso lo speaker "Quaranta, ventisette, nove, cinquantotto", "Quaranta, ventisette, nove, cinquantotto". "Brava signora ha fatto quaterna". "Mariolen'na la cuadèrna l'è andäda". E così via, sotto la benevolenza delle stelle, coi gelati d'Otello a raffreddare l'arsura e le emozioni. Via con la cinquina, via con a tombola, via con la tombola di consolazione. Erano i magici anni Cinquanta, quando la semplicità era uno dei tanti ingredienti che rendevano buona e simpatica e semplice la gente parmigiana.

Nessun commento: