O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént.


mercoledì 31 dicembre 2008

BUON ANNO A TUTTI CON LA PARMA DI ALFREDO ZERBINI
Voglio fare un augurio speciale a tutti i lettori di Pramzanblog, a quelli che conosco e alle centinaia di quelli che non conosco. E in particolare agli strajè nel mondo, che seguono Pramzanlog dagli Stati Uniti, dal Brasile, dal Canada, dalla Cina, dal Lassemburgo, dalla Gran Bretagna, dalla Germania, dalla Francia. Come può essere speciale un augurio di Pramzanblog? Con una poesia dedicata a Parma. E scritta da uno dei più grandi poeti dialettali della nostra terra, se non il più grande (Pezzani mi scusi): Alfredo Zerbini. Eccola:
La me Pärma
Pärma l' è 'na duchèssa sénsa bòrja,
alégra in pàza e furibonda in lòta,
e béla tant che tutti a's sa a memoria
che mi par lè gh' ò sémpor na gran còta.
De 'd là gh'è i sign antìgh a la so stòrja:
al Dòm, al Batistéri e la Pilòta,
e al Pramzanén ch' al serca la so glòria
al gran pitór dal Gióron e dla Nòta.
De 'd sà l' è pu povrètta, n' ältra còza;
l 'è Pärma sott' al tòrri di Pavòlt
coi bullo äd San Fransèssch e 'd Santa Cróza.
Na Pärma sgréza, che s' la s' mètta in mot,
da bón'na ch'l'è, la sälta su fogósa
cme un còro äd Verdi scritt dal Cuarantòt.
(La poesia di Zerbini è tratta dal sito "I poeti di Parma")

Nessun commento: