O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


domenica 21 dicembre 2008

Al Dsèvvod ha dichiarato guerra ai piccioni

Be' devo dire che quando mi è arrivato a casa l'ultimo numero de "Al pont äd mez", il periodico della Famija Pramzana, Batistén Picén, la creatura di Pramzanblog, ci è rimasto un po' male, perché la guerra ai piccioni voleva farla lui su questa homepage, da quando un simpatico piccioncino mi ha lasciato un regalo recentemente, mentre uscivo con mia moglie dalla Camera di San Paolo. (Be', meglio me, almeno, di mia moglie...). Comunque, ecco, Batistén c'è rimasto male perché stato battuto in velocità da Al Dsévvod,, che nella sua fantastica rubrica in lingua parmigiana intitolato "Al me pont d'vista", ha scritto una mirabile filippica contro i piccioni che infestano la città, trovandosi quindi in perfetta sintonia con il sindaco di Venezia, che ha deciso di sfrattare i piccioni (e chi vende il mangime) da piazza San Marco. "Boja d'un mond lädor n'è mìga ora ch'ànca al sindicch äd Péärma (ch'l'è béla cuäsi cmé Venesja) al se decìdda äd tor, intant, 'na mzùra cl'a proibissa a chì socuànt poch fureb che tutt i gioron in pjasa Garibäldi, ädla Stedcäda, dal Dom, i pastùron i pisòn con dal pan, dal melgon e via. Basta con stì pison, l'è ora 'd fnìrla: i pison l'è ora chi vagon in campàgna indò i podràn catär al past normäl cmé fa tutt ch'ätor ozlén. Vot mèttor cme jén pu uttil in citè... il rondanen'ni!".
Grande Dsèvvod. Chapeau. E spiritosa anche la sua battaglia contro la scarsa segnaletica nei corridoi del monoblocco dell'Ospedale maggiore. Ovviamente Al Dsèvvod non l'unica "attrazione" del bollettino della Famìja: in questo numero ci sono altri articoli interessanti, come quello sul Ponte Arturo Montanini (sul Taro) e sul Ponte Alcide De Gasperi (sulla Parma), come la presentazione della strenna natalizia, il "Dizionario dei musicisti", come quello sulla canzone "A semma tutti Pramzàn", parole di Umberto Tamburini e musica di Nando Monica, come la cronaca del recital di Giorgio Capelli, "Pan e dialètt pramzàn".

Nessun commento: