O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 10 novembre 2008

SPORT CIVILTÀ: OGGI GALA AL TEATRO REGIO

Parma è musica. È storia. È gastronomia. È arte. È sport. E oggi, alle 17, nella sontuosa cornice del Teatro Regio, sarà addirittura la "capitale" dello sport, perché verranno consegnati i premi "Sport Civiltà", manifestazione organizzata dalla sezione di Parma dell'Unione Nazionale Veterani Sportivi e giunta quest'anno alla sua trentaduesima edizione. Grande giornata per Parma sportiva, che vedrà radunati al Regio grandi campioni di ieri e di oggi, nonché personalità di molti settori.
"Il premio", mi ha detto Luciano Campanini, presidente della sezione locale dei Veterani dello Sport "fu fondato da Ercole Negri, che fu un discobolo di valore e due volte campione italiano con la Rugby Parma, con l'intenzione di celebrare non soltanto le imprese sportive, ma soprattutto coloro che ne sono protagonisti rimanendo fedeli a un certo stile, al modo "civile" di interpretare lo sport. In particolare mi piace ricordare una frase che mi disse Fabio Capello quando ricevette il premio: "Di premi ne ho ricevuti tanti nella mia vita, ma questo è il più bello della mia carriera sportiva perché associa allo sport la parole civiltà". Io sono molto onorato di organizzare questa manifestazione. Lo faccio da otto anni, cioè da quando sono presidente.












Ho mantenuto lo spirito del premio, senza mai snaturarlo, ma aggiungendo qualcosa di "mio". Per esempio abbiamo inserito la sezione "sport e lavoro", per premiare quei campioni che, conclusa l'attività agonistica, si sono poi affermati anche nel mondo del lavoro. In generale siano stati sempre attenti a premiare quei personaggi che nello sport hanno dimostrato correttezza, lealtà e doti umane. Inoltra, a differenza di altre manifestazioni analoghe, pretendiamo che i personaggi premiati siano presenti alla cerimonia, per evitare, come succede spesso, che vengano rappresentati da amici e parenti. Questa scelta ci ha permesso di convogliare al Teatro Regio, ogni anno, sportivi, giornalisti, dirigenti, di grandissimo prestigio. Quest'anno per esempio avremo un campione del mondo e quattro ori olimpici. È una vera grande festa dello sport".
La giuria, presieduta da Tito Stagno, ha assengato quest'anno questi premi:





Premio Atleta dell'anno: Alessandro Ballan, campione del mondo di ciclismo su strada, Chiara Càinero, oro olimpico di skeet, Roberto Cammarelle, oro olimpico di pugilato, Andrea Minguzzi, oro olimpico di lotta greco-romana, Giulia Quintavalle, oro olimpico di judo.
Premio Una vita per lo sport: l'alpinista Cesare Maestri .
Premio Sport e Lavoro: Giuliano Besson, della "Anzi&Besson".
Premio Stampa: Roberto Perrone, del Corriere della Sera
Premio Radio e Televisione : Franco Lauro, di "Novantesimo minuto"
Premio Dirigente : Pierluigi Collina, disegnatore dell'Aia (che se arriverà in tempo a Parma, prima di trasferirsi al Tearo Regio andrà a visitare, accompagnato da Luca Sommi, la mostra sul Correggio).
Premio Ambasciatori dello Sport : Famiglia Buffon (Adriano Buffon, medaglia d'argento ai campionati europei juniores di getto del peso; la moglie Maria Stella Masocco, ex campionessa di peso e disco; i figli: Gianluigi Buffon, portiere della Nazionale di calcio, Guendalina e Veronica, nazionali di pallavolo)
Premio Benemerenza Sportiva : Maurizio Casasco, presidente della federazione medici sportivi
Premio Allenatori di Parma: Sandro Orlando, allenatore dello Schio Basket femminile, campione d'Europa e d'Italia
Premio Campioni di Parma: Maria Chiara Franchini, capitana della nazionale italiana di basket.
Tra i personaggi che consegneranno i premi ci saranno Edoardo Mangiarotti, presidente nazionale dei Veterani sportivi, il prefetto Paolo Scarpis, Paolo Barilla, vicepresidente della Barilla, Giuliano Molossi, direttore della Gazzetta di Parma, Tommaso Ghirardi, presidente del Parma, Marco Rosi, presidente di Parmacotto, Federico Costa, amministratore delegato della Gazzetta di Parma, Alberto Michelotti, ex popolarissimo arbitro e nostro commentatore delle partite del Parma, giornalisti come Italo Cucci, Gianfranco Bellè, Massimo De Luca e tanti altri.
Grande giornata di sport, ma non solo. Tanti campioni al Regio, tempio della lirica... quindi non poteva mancare un omaggio a Giuseppe Verdi.







Sul palcoscenico del Regio, infatti, si esibirà la Corale Verdi, diretta da Fabrizio Cassi (al pianoforte Claudio Cirelli). Eseguirà cinque brani rigorosamente verdiani: "Or co' dadi, ma fra poco...", dal "Trovatore", "La Vergine degli angeli", dalla "Forza del destino", "L'inno di vittoria", dal Macbeth, "Va pensiero", dal "Nabucco" e "Libiam nei lieti calici", dalla "Traviata". Accanto alla "Corale" si esibiranno due solisti: il tenore Leonardo Cortellazzi e il soprano Paola Sanguinetti.
Immagino che ci sarà un minuto di raccoglimento per ricordare l'appena scomparso Luca Ambanelli,
uomo di teatro e di sport.
(Nelle foto, dall'alto: 1) Una delle premiazioni passate; 2) Luciano Campanini con Bud Spencer; 3) Chiara Cainero; 4) Alessandro Ballan; 5) Roberto Cammarelle; 6) Andrea Minguzzi; 7) Giulia Quintavalle; 8) Primo piano di Luciano Campanini; 9) La Corale Verdi)

Nessun commento: