O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 4 novembre 2008

Elezioni americane - Barack Obama o John McCain: chi scelgono i parmigiani in USA?













Il dado è tratto. Gli americani stanno andando alle urne per la scelta del successore di George W. Bush alla Casa Bianca. Anche molti parmigiani che vivono negli Stati Uniti sono direttamente interessati all'evento. Alcuni andando a votare, perché hanno la cittadinanza americana, altri senza il diritto di voto, perché hanno soltanto la "green card" (il permesso di soggiorno che consente di vivere e di lavorare negli Stati Uniti senza però poter votare). Pramzanblog è in contatto con alcuni di loro e, appena si saprà con certezza chi è il nuovo presidente americano (Il repubblicano John McCain?
Il democratico Barack Obama?) li sentirà immediatamente per conoscere le loro impressioni "a caldo".

Nessun commento: