O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént.


domenica 16 novembre 2008

Intervistato dalla Gazzetta: sono tornato a casa

Oggi sulla "Gazzetta di Parma", a pagina 20, c'è una lunga e bellissima intervista al sottoscritto, intitolata "La Parma vera e unica nel blog di Mezzadri". Ne sono lusingato. Per me (la vanità è una malattia sottile, si infila nelle vene anche contro la tua volontà, come tutte le malattie), ma soprattutto per Pramzanblog, la mia creatura, che ho fatto nascere sei mesi fa per dare una mano a chi, vedi Maletti, vedi Battei, vedi la Dall'Argine, vedi Oddi, vedi Pallini, vedi Reverberi, vedi Molossi, vedi Rinaldi, vedi Mezzadri l'altro (Giuseppe), vedi Sartorio, vedi un sacco di tanti altri benemeriti, lavora per tenere accesa e magari rivitalizzare, la fiammella della parmigianità. Io, l'ho già scritto, sono nato per sbaglio a Castelfranco Veneto, in provincia di Treviso, e la mia famiglia è di origine mantovana (Viadana), però all'età dei pannolini abitavo già in via XX marzo e a Parma ho passato l'infanzia, l'adolescenza e la prima gioventù, le età più belle. A Parma ho trascorso gli anni Cinquanta e Sessanta, che hanno lasciato segni indelebili nella storia del costume italiano. E quindi sono fiero che la "Gazzetta", testimone inimitabile della nostra città, abbia voluto sottolineare con affetto il mio sforzo. La "mia" Gazzetta, dove ho avuto maestri indimenticabili come Baldassarre Molossi e Aldo Curti e dove Giuliano Molossi ha raccolto con merito e grande professionalità il testimone. L'intervista (ho già ringraziato al telefono Molossi e l'autore dell'articolo, Lorenzo Sartorio) mi è molto piaciuta. Mi ha fatto sentire (l'ho detto a Giuliano al telefono) come un "tornato a casa".
Achille Mezzadri (Pramzan45)

1 commento:

e.piovani ha detto...

anche io ho letto con piacere l'articolo sulla Gazzetta di Parma. A questo punto le rinnovo i complimenti, e speriamo che coloro che cercano di salvaguardare la parmigianità noncè i visitatori del suo sito aumentino sempre di più