O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


venerdì 21 novembre 2008

FERRAGUTI SUPERSTAR NELLE "PIRAMIDI" MUP












Per la serie "cultura a Parma: avanti così", mentre è appena cominciato il convegno internazionale su Guareschi, in piazza Cesare Battisti MUP (Monte Università Parma) ha inaugurato il suo gazebo annuale nel quale presenta, in vista delle festività di fine anno, tutta la sua produzione recente. Quest'anno la struttura ha una marcia in più perché è formata da tre splendide piramidi collegate l'una all'altra, nelle quali c'è spazio da vendere. La "chicca" di questa edizione, il libro su cui MUP punta particolarmente, è "Parma, scatti di cronaca", del mio caro amico ed ex collega alla "Gazza" Giovanni Ferraguti.










Dello splendido libro, che per altro ho particolarmente nel cuore perché ci sono molte foto che Giovanni scattò mentre eravamo "sul servizio" insieme (vedi gli incontri con Charlie Chaplin e Charles Aznavour) ho già scritto, quando Ferraguti l'ha presentato ufficialmente a Parma. Oggi mi piace far notare il fermento culturale che sta animando la città. Appena le "piramidi" MUP sono state aperte al pubblico è cominciato l'amichevole "assalto" del pubblico.
A fare gli onori di casa, naturalmente, è stato il direttore editoriale della casa editrice, lo scrittore e poeta Guido Conti, che ha dovuto sdoppiarsi, perché è contemporaneamente impegnato anche nel convegno guareschiano. Avanti così.
(Nelle foto, dall'alto: 1) Giovanni Ferraguti davanti al manifesto che pubblicizza il suo libro; 2) Ferraguti tra il direttore editoriale di MUP, lo scrittore e poeta Guido Conti e il redattore capo della "Gazzetta di Parma" Luigi Alfieri; 3) Il pubblico)

Nessun commento: