O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént.


sabato 8 novembre 2008

Collecchio: Batistén Panäda picén sposa la rivolta per i parcheggi in centro e... vince



Cär al me Pramzan45,
mi n'so miga scrìvvor poezìi cmé al me nòn, Galaverna, al pädor d'al vér "Batistén Panäda", 'na glòrja äd Collècc, e ànca al me djalètt l'è scärs, mo a 't scrìvv parchè Pramzanblog a'm piäz bombén. A t'è visst la Gazètta? A t'è vìsst co' é sucés a Collècc? Da cuànd al Cmón l'à decìz





äd arvoltär cme 'n calsètt pjàsa 'dla Repùbblica, par färla dvintär pu béla e pu modärna, in céntor a'n s' pol pu parchegiär. L'è 'n dizàstor! A gh'è un parchègg' soteràni in pjàsa Europa, mo la sòsta la dura n'óra al màsim e còza a s'pol fär in s'sànta mnùd?. A 't vè dal fornär, in bànca, in Cmón e j én zamò pasè stànta, otànta mnùd. Par fortón'na a gh'è stè 'n comität äd citadén ch'al s'è dè da fär e l'à catè su 160 firmi cóntra cla situasjón chì, ch'l'andrìss cambiäda.
Ànca la Gazètta la s'è interesäda e l'à fat n'artìccol miga picén, col tìttol "Lavori in piazza Repubblica: "Vogliamo più parcheggi liberi" e l'ätor tìttol "Portare la sosta massima a 2 ore nella struttura sotterranea di piazza Europa".
Mi a 't mànd il còpj ädl'artìccol 'dla Gazètta, e dal documént dal comität, indirisè al sìnndich, Giuseppe Romanini, al vicesìnndich Marina Conti, à l'asesór aj sarvissi pùbblich, Costantino Merosini e al'asesór Massimo Fantoni, (finànsi e bilànc').
Léza, léza bén. A m'arcmand, próva a fär cuälcozlen'na ànca ti, Pramzan!
Batistén Panäda picén


Nella mia casella di posta ho trovato questa mail, da Collecchio, la "seconda patria" di Domenico Galaverna, il mitico "padre" di Batistén Panäda e ho subito capito che lo spiritoso "Batistén picén" mi stava in realtà suggerendo un tema sfizioso, già trattato dalla "Gazzetta di Parma" e che comunque a Collecchio è di stretta attualità. Mi sono documentato, ho letto il pezzo della "Gazza" e le richieste dei cittadini "ribelli" e mi è parso chiaro che in effetti i lavori in corso in Piazza della Repubblica stanno creando disagi a molti collecchiesi.
Essendo sabato, quindi con gli uffici comunali chiusi, ho voluto quindi consultare il sito del Comune. Sorpresa: uno dei motivi per i quali ben 160 collecchiesi hanno sottoscritto una petizione, è già stato risolto. Come si legge nella "Gazzetta", i rivoltosi chiedevano di "portare la sosta massima a 2 ore nella struttura sotterranea di piazza Europa". Ebbene, nel sito del Comune si legge, pari pari: l’Amministrazione comunale ha confermato la scelta di aumentare a due ore la sosta accordata al parcheggio sotterraneo di piazza Europa, per consentire ai cittadini di fare acquisti senza l’affanno di una scadenza repentina del disco orario.
Scelta non compresa dai cittadini o retromarcia comunale? Poco importa. Quello che importa è che un Batistén Panäda (anche se non quello originale) ha vinto con humour e simpatia una sua battaglia, come nei Lunäri galaverniani del tempo che fu.
(Nelle foto, dall'alto: 1) L'originale Batistén Panäda; 2) Piazza della Repubblica a Collecchio /dalla "Gazzetta di Parma" /; 3) L'articolo della Gazzetta di Parma"; 4) e 5) Il documento del comitato dei cittadini, con le prime delle 160 firme;6) Il sindaco Giuseppe Romanini; 7) L'assessore alla Mobilità e Viabilità Costantino Merosini)

Nessun commento: