O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént.


lunedì 24 novembre 2008

Calendario Battei 2009: il fascino dell'arte

Una volta (ma anche adesso) si andava a gara per avere il calendario Pirelli. Poi è cominciata la moda dei calendari in tutte le salse: attricette, letterine, francobolline, veline, tronisti, studentesse maliziose, casalinghe esibizioniste, eccetera eccetera. Per carità... Un po' di stile, per favore. Fortunatamente, a Parma, ci viene in soccorso l'editore più autenticamente e storicamente pramzàn della città, con il "Calendario Battei". Un capolavoro di stile anche nell'edizione del 2009, che si intitola "Parma: il fascino dell'arte" e che è illustrato con le più belle copertine degli ultimi vent'anni del "Corriere di Parma", la storica rivista di cultura e attualità fondata da Luigi Battei nel 1889. Altro che letterine, modelline e veline... Qui, attraverso le "cover", si gusta l'essenza di Parma: la statua di Bottego, la Steccata, il Battistero, il Tempietto d'Arcadia e via e via. Sono fotografie splendide, che sono state scattate nel corso degli anni da collaboratori storici della rivista e che ripropongono i colori di Parma: il giallo delle case di una volta, il verde degli alberi, il bianco della pietra scolpita: una tavolozza di colori attraverso la quale ammirare quello che l'editore Antonio Battei ha definito nel colophon "il volto più seducente ed aristocratico di Parma".
Il calendario sarà presentato nel corso di una conferenza stampa, giovedì 27, alle 11, nella storica sede della
Libreria Battei in via Cavour. Interverranno, assieme ad Antonio Battei, il fotografo Claudio Carra e lo scrittore Luigi Gianola Bazzini.
(Nelle foto, dall'alto: 1) La copertina del Calendario Battei 2009; 2) Una suggestina visione serale di via Cavour deserta con le vetrine illuminate della storica Libreria Battei /Foto Carra ©/ )

Nessun commento: