O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 27 ottobre 2008

Festival Verdi: "prechiusura" ai Portici del grano con la Corale Tebaldi. Domani ultimo "Rigoletto"

Anche il Festival Verdi, come tutte le cose belle (e anche quet'anno ha avuto un grande successo) sta finendo. Peccato. Vorrà dire che già da dopodomani cominceremo il conto alla rovescia per l'edizione del 2009. Questa sera andrà in scena l'ultima replica de "Il Corsaro" al Teatro Verdi di Busseto e domani sera gran finale con "Rigoletto" (con George Gagnidze al posto di Leo Nucci) al Teatro Regio. Intanto, ieri pomeriggio, ha avuto conclusione una delle manifestazioni collaterali del Festival: quella organizzata dall'Assessorato alla Cultura del Comune sotto i Portici del grano. Per l'occasione l'assessore Lorenzo Lasagna e i suoi collaboratori hanno chiamato il Coro Renata Tebaldi, diretto dal maestro Sebastiano Rolli. I coristi, davanti a un foltissimo pubblico, hanno eseguito, accompagnati da Serena Fava al pianoforte, brani da opere verdiane, come "Traviata" e "Ernani", concludendo, era ovvio, con un applauditissimo "Va pensiero..." del "Nabucco". Grande successo per il Coro Tebaldi (che molto presto avrà un suo sito su Internet) e per tutto il Festival Verdi in generale, che ha dato lustro a Verdi, naturalmente (anche se non ce n'è bisogno), ma anche ai suoi più validi ed appassionati interpreti parmigiani.
(Foto by Massimiliano Ortalli)

Nessun commento: