O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


giovedì 4 settembre 2008

PIZZETTI & PEZZANI: L'INNO A PARMA













Tra le mie cose parmigiane (un buon pramzàn in esilio non può non aver portato con sé qualche "chicca", qualche reperto di parmigianità) ho trovato lo spartito dell'Inno a Parma, che fu composto, nel 1951, da Ildebrando Pizzetti, (Parma 20 settembre 1880 - Roma 13 febbraio 1968) su versi in djalètt di Renzo Pezzani (Parma 4 giugno 1898 - Castiglione Torinese 14 luglio 1951). Quella che possiedo è un'edizione de "La Famìja Pramzàna" e non mostra la data, però dovrebbe essere quella originale del 1951. Si tratta di una riduzione per canto e pianoforte, mentre la composizione originale di Pizzetti era nata per due voci (tenori e bassi o soprano e contralti) e orchestra. Il compositore, a quel tempo, era già famoso, ma non aveva ancora composto le opere liriche per le quali è ora maggiormente ricordato, vale a dire "La figlia di Jorio" (che è del 1954) e "Assassinio nella cattedrale" (che è del 1958). E Pezzani, che aveva 53 anni e viveva con la madre a Castiglione Torinese, sognando di tornare a Parma, era malato. In quell'anno, quindi negli ultimi mesi di vita, pubblicò la raccolta di liriche "Poesie a due voci" in collaborazione con Giuseppe Colli, scrisse la commedia "Al marches Popò" e "Inno a Parma". Nell'occasione della prima esecuzione, ad opera della Corale Verdi, Pezzani scrisse anche un centinaio di versetti dettati per i coristi di Parma. Fu il suo ultimo "regalo" ai parmigiani.

INNO A PARMA
Papav'r int al forment,
u
n ciost'r äd beli cesi,
e du boclen de srezi,
vecia con tutt i dent;
puten'na ch'a va a scola
e inco' la fa fogon
parchè la senta al bon
odor dla primma viola;
Pärma int al verd di prè
na tera benedetta,
un sam ad genta scetta...
"Viva la me citè"!
Tera da beli donni
col fogh int j oc apiè,
modeli da madonni
che'l cel al s'volta indrè;
na chitara posäda
che quand agh piäz la son'na,
e quand a ch'è la lon'na
la dventa inamoräda;
Pärma la me citè
stravacäda int al sol,
la canta cmè 'n lesgnol:
"Viva la libärtè"!

(Foto di Ildebrando Pizzetti, ritratto di Renzo Pezzani e riproduzione parziale dell'"Inno a Parma" edito dalla Famìja Pramzana nel 1951).

Nessun commento: