O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


giovedì 25 settembre 2008

FOTOSTORIE: Il Parma vincente di Topolino

Mi sa che i grandi e benpagati campioni di oggi in maglia crociata debbano andarsi a leggere un po' di storia del Parma. Magari anche del glorioso Parma As che, agli inizi degli anni Cinquanta, con la maglia a righe giallo e blu, lottava con caparbietà per salire dalla C alla B. In questa foto vediamo i campioni di allora. In piedi, da sinistra, il presidente, principe Bonifazio Meli Lupi di Soragna, l'allenatore Tabanelli, Taucar, Vycpaleck, Raimondi, Ivo Cocconi, Canini, Bronzoni e Bertolini. Accosciati, da sinistra: Korostolev, "topolino" Edmondo Fabbri (futuro Commissario della nazionale), Allodi e Guidazzi. Loro, l'anno seguente, riuscirono nell'impresa della promozione. I grandi e benpagati campioni di oggi ci riusciranno?

1 commento:

Maganuco ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.