O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


mercoledì 4 giugno 2008

40 anni fa: il Sessantotto a Parma /2/





Il Sessantotto viene ricordato, a Parma, non solo per la contestazione, ma anche per altro: per esempio per due scomparse di parmigiani illustri, Ildebrando Pizzetti, il grande compositore autore fra l'altro de L'assassinio nella cattedrale e Giovannino Guareschi, il papà di Peppone e don Camillo. E per il trionfo di Vittorio Adorni a Imola. Pramzan45 non potè seguire quel trionfo alla Tv perché stava arrivando a Bucarest. La "Gazzetta" aveva mandato un inviato perché si temeva che i russi, dopo la Cecoslovacchia, invadessero anche la Romania. Invece niente. Comunque sull'invasione di Praga ho un ricordo "divertente". Subito dopo l'invasione il direttore della "Gazzetta", il mai dimenticato Baldassarre Molossi, entrò nell'ufficio cronaca e disse: "Il nostro è un grande giornale e deve mandare, come tutti i grandi giornali, un inviato a Praga. Chi parte?". "Io", disse Pramzan45. "Hai il passaporto?". "No", rispose Pramzan45. "Ce l'ho io", disse pronto Gianfranco Bellè. "Allora parte Bellè", sentenziò Molossi. Pramzan45 ci rimase male. Poi venne a sapere che  Bellè aveva sì il passaporto, ma nella notte era corso in questura perché mancava un timbro. Il giorno dopo Molossi e l'allora presidente della Segea, Pauri, forse venuti a conoscenza del retroscena, chiamarono Pramzan45. "Te la senti di partire per la Romania? I russi adesso stanno arrivando anche lì". Pramzan45 andò in questura, gli fecero il passaporto in cinque minuti e partì. Uno a uno.

Nessun commento: